Cose che uno si chiede

maggio 18th, 2008

Ma  quelli che hanno l’abitudine di leggere a letto, prima di dormire, avranno un’attività onirica inquinata dalla letteratura?

Categorie: filosofia

Leave a comment

Feed dei commenti8 Comments

  1. utente anonimo

    BOH! credo dipenda da quello che si legge … però talvolta vorrei leggere meno e dormire di più, molto di più, moltissimo di più… (ciao mas.)

  2. severine

    Non so, io recentemente ho sognato che acquistavo un vestito di alta moda senza potermelo permettere e poi me lo mangiavo.

    Ma non avevo letto né Vogue né l’Artusi.

  3. pbeneforti

    mas: prova a leggere roba più pesa 😀

    severine: vestito alta moda, carenza denaro… avevi letto Proust, la sera?

  4. utente anonimo

    Anche se leggo tutte le sere, e spesso pure di notte, non ho mai fatto alcun sogno relativo a ciò che avevo letto prima di addormentarmi.

    [Solitaire]

  5. utente anonimo

    ennò! la roba pesa è per genta pesa… scusa che cosa vorresti insinuare!?!?!?! 😀 (* mas.)

  6. utente anonimo

    Naaaa, i sogni si riferiscono a faccende intime, quello che leggi serve solo a ninnarti.

  7. utente anonimo

    torno seria (!)… io invece credo di si, se una cosa ti colpisce può influire (inquinare non credo). Perché no? Del resto come succede per tante altre cose, può succedere per un libro, una storia, un personaggio, una particolare emozione che si prova nel leggere … (mas.)

  8. utente anonimo

    più che la lettura, direi che la combinazione peperonata-lettura può influenzare l’attività orinica, quello sì.

    mikè

Feed

http://www.pbeneforti.it / Cose che uno si chiede