Altro che papiri…!

settembre 21st, 2006

È dalle molte rovine di Uru che non ci cavo le gambe! Gawrsh!

(Il naturale seguito della Waste Land è senz’altro il wasted time.)
(È la prima volta che faccio un videogame di questo genere, lo giuro!)

Categorie: giochi, io

Leave a comment

Feed dei commenti14 Comments

  1. metallicafisica

    Io adoravo Riven e Myst ma i magnifici 4 dopo un po’ avevano le vertigini e vomitavano….***

  2. metallicafisica

    ps: per il MAC non va bene!!!:/

  3. regi

    Allora è proprio una epidemia che colpisce i maschi di qualsiasi età. Forse sono indenni solo i pensionati, e magari neanche quelli.

  4. pbeneforti

    sabri, ci credo: il movimento in soggettiva è roba da mal di mare!

    regi: no, io non sono stato colpito dall’epidemia! è solo che una volta bisogna provare, almeno. 🙂

  5. pensieridicarta

    che magari uno prova, e scopre pure che gli piace 🙂

  6. pbeneforti

    escludo di provarne altri: troppo complicato e lungo.

  7. metallicafisica

    Paolì, i giochi di ruolo sono sempre più divertenti, fidati:)

    questi, più solitari dopo un po’ oltre al problema della “soggettiva” ti pare non abbiano uno scopo, non si capisce qual è. E raramente si arriva alla fine***

  8. sidgi

    quale giocatrice di Pacman, tetris e risiko, mi sento MOLTO esclusa da questi post!

  9. unbesoporti

    quoto la Sid!!!!

    (no so giocare, embè????)

  10. missjeyre

    Io non capisco i giochi di ruolo, sono un po’ tocca evidentemente… dalle mie parti tutti impazziscono per ‘sto D&D, ma che cos`è? E soprattutto, come funziona? Hanno provato a spiegarmelo, ma non ci trovo la logica di fondo.

    Sidgi, e il vecchio flipper dove lo metti?

    =)))

  11. sidgi

    miss & unbeso che ne dite di fondare un club “a voi ruolisti non vi caghiamo di striscio?”

  12. utente anonimo

    Io voto per il partito “Vecchi Arcade”.

    Augh. Ho detto.

    Gabrilu

  13. pbeneforti

    come dicevo, escludo di perdere altre mezze giornate, in futuro, per cavarmi gli occhi (che poi li riempiono di ambienti bui, tra l’altro! mavaffanculo!) in altri di questi lunghi rolegame. al limite se me ne capiteranno sottomano mi scarico il walkthrough (sarebbe la soluzione, scusate il gergo) e faccio un giro a vedere gli ambienti e la grafica. tra l’altro mi pare di aver capito che ‘sti ‘mondi’ schizofrenici, una volta che sei arrivato in fondo puoi buttare via il DVD e tutto. mica come quei bèi Tetris o Brickwall con enne livelli (irraggiungibili)!

    però c’è una questione che vale la pena sviscerare, e cioè il contenuto narrativo. oh, mica le palle che racconta la Lipperini, per la quale i giochi di ruolo sono la forma di narrativa del futuro, neh!

    bon, poi ci faccio un post.

  14. utente anonimo

    A me il discorso della Lipperini è sembrato un po’ vintage. Voglio dire: erano cose che si scrivevano dieci anni fa, ed allora avevano un loro senso, ma oggi mi sembra non reggano proprio pù. Attendo fremente il tuo post chiarificatore.

    gabrilu

Feed

http://www.pbeneforti.it / Altro che papiri…!