Et in arcadia ego

Update:
Voilà, fatta la foto del coso petroso.

(La committenza aveva esigenze precise – excusatio non petita.)


Passato mercoledì, passato giovedì, passato venerdì…
HO FINITO.
Inaugurazione del coso petroso stamani, alla presenza di millanta glorie del ciclismo passato e presente (Alfredo Martini è un grande, confermo; altroché!) Non ho fatto neanche una foto; però poi me le passano, forse.

Puf puf, pant pant. Hurrà.
Mi dichiaro ufficialmente in ferie
.
(Non vado da nessuna parte, eh; ho da fare dei lavori in casa, con calma, perciò resto qua – più o meno. Tranne qualche viaggetto breve breve…)

18 pensieri su “Et in arcadia ego

  1. potrei disoziarmi (in via temporanea) solo nel caso mi fosse concessa l’opportunità di smassare l’opera onde lapidare il mecenate

  2. non trattasi di graffito bensì di schegge di marmo confitte ed incollate nell’austera arenaria.

    sidgi: pciù.

    gabry: giammai ti sottrarrei all’ozio (eppoi non è mica bello, ‘sto coso; diGiamolo!)

  3. Il coso petroso è tutto in salita… In derie sndrai in discesa… se dovessi scendere da queste parti (o salire?) facci sapere!:)*

    ps: ma il “coso” è vedibile ai più oppure è in una proprietà privata?

  4. le grazie, ossequi.

    moho, boh. di solito la Biennale di Carrara è interessante soprattutto dal punto di vista tecnico, con riferimento al marmo e al bronzo. ma di quella 2006 non so gnente.

  5. A proposito di “cosi petrosi”, secondo te merita una visita la biennale di scultura di Carrara di quest’anno???

I commenti sono chiusi.