Michael Crichton, il climatologo del Senato USA

La Commissione del Senato USA sull’Ambiente ha chiamato Michael Crichton per testimoniare che, come raccontato nel suo ultimo romanzo, "State of fear", non ci sono prove sicure che l’emissione di gas serra influenzi il riscaldamento del pianeta. La notizia è sul New York Times.
Il presidente della Commissione, Sen. James M. Inhofe – repubblicano, ovviamente – ritiene personalmente che l’effetto dei gas serra sia "la più grossa frode perpetrata ai danni del popolo americano".

E’ probabile che, dopo Katrina, simili argomenti contro la regolamentazione dell’emissione di gas serra negli USA facciano ulteriormente precipitare il consenso per Bush e per i repubblicani. Non si sa se in tempo utile.

Steiner e la letteratura inutile

steinerpicsu Repubblica di ieri George Steiner risponde ad alcune domande sulla letteratura e la scienza, mostrando – e motivando – ancora una volta la sua poca considerazione per la letteratura di oggi.
su quello spunto, qualche considerazione.
il confronto-scontro tra cultura umanistica e cultura scientifica è in voga da quasi un secolo, però, appunto, non tramonta. ed è giusto che sia così, vista la sempre crescente presenza della tecnologia nella società occidentale (e non solo) e la parallela carenza di senso che tale presenza porta con sé. il conflitto è del resto testimoniato dalla ignoranza in materia di scienze che non sembra affatto ridursi; nonché dalle ininterrotte voci di protesta contro il presunto predominio della cultura scientifica (un paradosso, in effetti).

ma non voglio allargare troppo il discorso. prendo un passo dell’intervista a Steiner: "L’opinione, qui a Cambridge, è che siamo prossimi all’apertura delle ultime tre grandi porte. La prima è quella sulla creazione della vita in vitro: le chiamano molecole replicanti. Poi c’è la chiave della nascita dell’universo: secondo Hawking stiamo per conquistarla. Infine la coscienza: Crick sostiene che la possibilità di dire "io" è un fatto chimico, che riguarda la sistemazione delle molecole di carbonio attorno alle sinapsi. Di fronte a queste tre porte, che senso ha un romanzetto inglese su un adulterio a Londra? Quando si riuscirà ad impiantare una memoria nuova nei malati di Alzheimer si modificheranno le nostre concezioni di responsabilità, identità, parentela… Se fossi uno scrittore cercherei di occuparmi di questi temi".

ora, è evidente che la quasi totalità degli scrittori *non* si occupa di quei temi (tocca pensare all’Houellebecq delle Particelle elementari e, a quanto ho capito, a quello dell’ultimo "La possibilità di un’isola"). del resto gli scrittori non hanno la preparazione per trattare quelle questioni; o anche quando ce l’hanno preferiscono decisamente parlare di cose pressoché opposte, anche perché i temi imposti all’attenzione dei singoli, letterati compresi, sono quelli veicolati dai mass media, i quali di questioni scientifiche si occupano ben poco.

chiaramente non penso affatto che parlare d’altro, in letteratura, significhi fare letteratura insignificante; ma è una cosa vistosa il fatto che, di fronte ad una così massiccia e ramificata presenza della tecnologia – povera in sé di senso -, la letteratura abbia rinunciato a parlarne – e a provare a darle senso.

Jannis Kounellis, qualche anno fa, provò a proporre l’idea di dare all’arte il ruolo di portatrice di etica per l’economia. l’economia ovviamente se n’è fregata altamente, ma non per questo l’idea era sbagliata.

barth, erickson, baker etc.

    ho fatto un piccolo stock di letteratura USA contemporanea:
Donald Barthelme, "Atti innaturali, pratiche innominabili", Minimum Fax
John Barth, "Fine della strada", Minimum Fax
Nicholson Baker, "L’ammezzato", Einaudi
Jonathan Lethem, "Men and cartoons", Minimum Fax
Steve Erickson, "Il mare arriva a mezzanotte", Frassinelli
Steve Erickson, "Arc d’X", Fanucci
dei libri di barth e barthelme ho già letto dei capitoli in originale. gli altri sono suggerimenti incrociati.

d’oltreoceano tanta roba, d’oltralpe solo houellebecq. bah.

Eymerich replica

  Valerio Evangelisti, su Carmilla, replica alla replica di Silvia Dai Pra’. per chi non sapesse di cosa sto parlando (e non è che avrebbe perso granché), si tratta di una polemica innescata da Evangelisti attaccando la stroncatura della Dai Pra’ de "Lo sbrego" di Antonio Moresco.
Allora, ricapitolando:

E siam qui all’oggidì. Moresco si prende la sua poca pubblicità, Silvia Dai Pra’ idem, Valerio Evangelisti si diverte (questo in termini di cui prodest:  ma non voglio dire che ci sia un calcolo di visibilità dietro alla polemica). Ora ci sarà ancora un séguito, probabilmente, ma ho l’impressione che alla fine la sostanza della querelle sia un po’ poca, e soprattutto difficilmente giudicabile senza conoscere i fatti, anche personali, dei e tra i duellanti. Insomma, se le recensioni che parlano dell’autore, oltre che della sua opera, siano lecite, oneste, in buona fede, obiettive o no, non è una questione proprio tanto originale; e riguardo a Moresco, vada a suo merito il fatto di suscitare reazioni così passionali – dato per buono che non sia un calcolo da parte sua – e amen.
un po’ più interessante è il tentativo di Giulio Mozzi di allargare la questione alla presenza dell’autore nella letteratura di oggi, anche se non mi è ben chiaro cosa giulio intenda parlando di autori-corpi contrapposti ad autori-persone: mi pare che sia più rilevante – anche se forse banale – parlare degli autori-personaggi (personaggi pubblici, intendo, non personaggi letterari), categoria che si è allargata ben oltre l’àmbito dei best seller; categoria che forse stride – paradossalmente – con quella un po’ maudit dell’opera-vita: gli scrittori la cui vita privata e intellettuale è fortemente influenzata e ossessionata da ciò che scrivono dovrebbero avere particolare difficoltà a prestarsi ai riti ingessati della promozione e dell’incontro col pubblico. Cioran e Houellebecq, per rappresentare due estremi di questa difficoltà.
Da ciò si può tornare nella versione astratta della querelle Evangelisti-Dai Pra’ chiedendosi se è lecito dubitare della sincerità e dell’onestà di quegli scrittori che mettono molto delle proprie budelle nella propria opera e tuttavia si prestano all’ordinato giro delle presentazioni in pubblico, delle fiere letterarie, dei passaggi in tv (per i più fortunati) col proprio ultimo libro in mano.

Barthelme

dovrei far penitenza, per non aver letto prima "Ritorna, dottor Caligari" di Donald Barthelme.
mannaggia.
(per altro, son sorprese che fa piacere provare, dato che capitano sempre più di rado.)
(articolo da terminare)

dov’è lo straniero?

lostranieroceseraniDopo aver letto il libricino di Remo Ceserani "Lo straniero" (Laterza), mi son chiesto quali romanzi contemporanei abbiano frequentato quel tema lì, quello dello "straniero".
Ceserani infatti percorre brevemente la fortuna in letteratura del personaggio dell’estraneo, di colui che si sente esterno rispetto ad una comunità – o che è percepito tale – nelle varie forme che questo tipo assume.
l’excursus va da Ulisse e Medea fino a Pirandello attraverso Boccaccio, Hoffmann, Baudelaire ("Il cigno"), Coleridge, Crane e altri. e l’elenco, anche limitandosi al ‘900, portebbe essere allungato facilmente (Roth, Conrad, Hemingway ecc.).
ma anche oggi il tema sembrerebbe utilizzabile; Ceserani infatti sintetizza gli scenari in cui gli "stranieri" letterari si muovono notando come ogni comunità tenda a chiudersi quando avverte un pericolo, specie se è una comunità piccola. ovvio; ma è evidente che questo tipo di analisi sociologica si adatta anche a comunità molto grandi e evolute, specie se tali comunità sono rese assai piccole da una presenza massiccia di mass media.
Allora immagino che ci sarà molta letteratura, oggi, che prende spunto da questo tipo di conflitto; solo che a me non viene in mente nessun titolo. si vede che non li conosco.
p.s. suppongo che la relazione col post precedente sia ben visibile.

postilla: dopo aver letto l’articolo di Mozzi  su  vibrisse,  mi sorge il sospetto che proprio Moresco  racconti i suoi alter ego letterari come stranieri: stranieri nel senso dello ‘straniamento’, come  in Baudelaire ("
Ainsi dans la forêt où mon esprit s’exile/ Un vieux Souvenir sonne à plein souffle du cor!/ Je pense aux matelots oubliés dans une île,/ Aux captifs, aux vaincus!.., à bien d’autres encor!" etc.).
resta il dubbio: ma i personaggi di Moresco sono stranieri che cercano di inserirsi ed essere accettati o  che si sforzano di  restare isolati in un mondo che disprezzano? non so se il primo caso possa essere scartato tanto facilmente.

il sognatore tradito

questo articolo, benché lungo, è solo di integrazione al successivo (ancora da scrivere).


 il 22 settembre 2001 jacques derrida ricevette, a francoforte, il premio
adorno.
il premio avrebbe dovuto esser consegnato l’11 settembre (data di nascita di
adorno), come sempre; ma l’11 settembre 2001 derrida era in cina, dunque la
cerimonia fu fissata per il 22.

bompiani (non passigli) ha pubblicato in un libricino della collana paesaggi
("Il sogno di Benjamin") il discorso di derrida per la consegna di quel
premio.

è un po’ più che un discorso di circostanza. il tema strettamente filosofico
del debito di derrida verso adorno si sviluppa in modo tortuoso andando a
parlare dell’antisemitismo, della comprensione tra culture (e lingue),
dell’attentato delle twin towers avvenuto pochi giorni prima.

una tradizione politica e irrazionalista ha attraversato in forme molteplici
il 900. che possa
essere essa ancora il cardine di un progetto sociale ideale, suona ad un
primo bizzarro. il ‘900 ha pagato caro il credito dato a utopie idealiste e
cecità di massa.

ma il discorso di derrida si svolge con convinzione.
può un sognatore parlare del suo sogno senza svegliarsi?
il filosofo, dice derrida, risponde di no; l’artista risponde "forse,
talvolta".
adorno, e benjamin prima di lui, oscillano tra le due risposte, tentando di farle coesistere.
ciò implica quella che adorno chiama "la possibilità dell’impossibile": "Nel
paradosso dell’impossibilità dell’impossibile, scrive adorno, per l’ultima
volta si sono trovati insieme in lui [Benjamin] misticismo e illuminismo.
egli ha bandito il sogno senza tradirlo, e senza farsi complice  di ciò su
cui i filosofi sempre si sono trovati d’accordo: che questa unione non fosse
possibile".

"bandire il sogno senza tradirlo" suona più che altro lirico; ma in benjamin
acquista anche un senso preciso; un senso che tra l’altro veste bene sul
personaggio walter benjamin come appare nel romanzo di michele mari; un
senso che in adorno prende la forma dell’esigenza di salvaguardare la
propria lingua dell’infanzia.
per derrida l’attenzione di adorno verso la lingua natale è un discorso che
"dovrebbe risultare esemplare, oggi, per tutti coloro che cercano, nel
mondo, ma in particolare nell’europa in costruzione, di definire un’altra
etica o un’altra politica, un’altra economia, o anche un’altra ecologia
della lingua: come coltivare la poeticità dell’idioma in generale, il suo
presso di sé, il suo oikos, come salvare la differenza linguistica,
regionale o nazionale, come resistere allo stesso tempo all’egemonia
internazionale di una lingua di comunicazione (per adorno era già
l’angloamericano), come opporsi all’utilitarismo strumentale di una lingua
puramente funzionale e comunicativa, senza tuttavia cedere al nazionalismo,
allo statal-nazionalismo, o al sovranitarismo statal-nazionalista, senza
prestare queste vecchie armi arrugginite alla reattività identitaria e a
tutta la vecchia ideologia sovranitarista, comunitarista e
differenzialista?"

programma impegnativo e dalla soluzione contraddittoria, quello dove va a parare il discorso di derrida. la soluzione, infatti, l’eredità di una linea di pensiero del ‘900 capace di dare continuità e senso alla cultura occidentale (e alla società,
utopisticamente), sta nel cercare di salvaguardare ciò che è intimamente
radicato in ciascuno – in sé e negli altri – in termini di sogno, lingua,
inconscio, infanzia – e che corrisponde, come vulnerabilità, come
essere-senza-potere, all’animale, al bambino, all’ebreo, allo straniero,
alla donna.

discorso complesso, su cui non è questa la sede per dilungarsi; discorso che inoltre perde
consistenza quando lo si allarga fino a trarne una impostazione politica per
il filosofo europeo di oggi. perde peso non perchè non sia condivisibile,
IMO, una scelta "forte" come quella succitata (che coniuga storia e storia
personale nella difesa e nella salvaguardia degli inermi motivata
dall’esigenza di "bandire il sogno senza tradirlo"), ma perché è a dir
poco utopistico pensare che i filosofi possano incidere sullo sviluppo
dell’europa politica.
favicon